Suino e agnello del Parco d'Abruzzo

Come nasce "La Carne del Parco"

1016712_601523119882472_1768771506_n.jpg
1016712_601523119882472_1768771506_n.jpg

Il progetto “La Carne del Parco” nasce nel 1998 a seguito di un’intesa tra l’Ente Parco Nazionale della Majella e Soalca Srl. La volontà alla base dell’accordo è quella di coniugare l’immagine di un’area naturale di bellezza unica con le aziende locali produttrici di prodotti di alta qualità, nel rispetto dell’ambiente e a favore dei piccoli allevatori abruzzesi.



GLI ALLEVAMENTI
La caratteristica fondamentale degli allevamenti della Carne del Parco va ricercata, oltre che nella provenienza da ambienti incontaminati e salubri, nella cura del bestiame e nella totale assenza di integratori di qualunque tipo per l’alimentazione, che invece è basata su frumento, cereali ed erba da pascolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 



 

I PRODOTTI
L’ assortimento “La Carne del Parco” si compone originariamente di referenze sezionate e pronte da cuocere, a base di carni ovine e suine locali, confezionate in atmosfera protettiva:

- 6 referenze di agnello del parco - costatine, coscia, spalla, spezzato misto, frattaglie, testina);
- 7 di suino (lombatine, braciole di collo, pancetta, fettine di prosciutto, macinato, salsicce sale e pepe e bocconcini);
- 5 articoli di pronti da cuocere brandizzati “Brava Nonna”: 2 a base di carne di suino del parco (cotolette di suino, lombatine di suino con Zafferano dell’Aquila DOP) e 3 a base di carne di agnello del parco - agnello in porchetta, rollini di agnello, agnello panato con mandorle.

QUALITA'
Italialleva attesta l’origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale, dando valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori (Controlli Funzionali - Libri Genealogici) e fornendo, contestualmente, garanzie per il consumatore e tutela per le razze allevate in Italia, con le relative produzioni.

 

Commenti

Scrivi la risposta a questa domanda: 4 + 5?
Non ci sono commenti